Formazione avanzata con UniMi

L’uso della simulazione garantisce standardizzazione delle competenze

Formazione è una delle parole chiave della nostra storia associativa, contraddistinta – sin dagli albori – da una vocazione: la formazione, appunto, del suo capitale umano.

I nostri Corsi

Un corso ogni due anni almeno, oltre 500 persone formate per operare nei setting del volontariato in Cure Palliative. Hospice e domicilio in primis, e poi ambulatori e RSA.

Pronti per la chiamata, il turno di servizio, il colloquio con chi – disorientato – si rivolge alla nostra organizzazione per trovare risposte, che spesso combaciano con indicazioni precise e preziose.

Presenza Amica non istruisce, forma. Il percorso di training per diventare Volontari è modulato in almeno 20 ore di docenza, seguite da tirocinio accompagnato da un Coordinatore e costantemente sotto l’occhio attento di uno psicologo.

Formazione di base

Diventare Volontari significa essere presenti, con competenza, accanto alle persone malate in fase avanzata ed evolutiva di malattia. Consci di cosa sono le Cure Palliative, quali sono le normative regionali e nazionali di riferimento, quali i setting operativi.

Competenti relativamente alla modalità di comunicazione verbale e non verbale, alle situazioni che si possono sperimentare nell’opera volontaristica – anche con le famiglie e caregiver, alle maggiori patologie e condizioni che caratterizzano le persone malate nei setting specifici delle CP.

Mantenimento della proposta formativa

Le competenze, il saper essere e il saper fare vanno accompagnati nel tempo. E implementati, anche rispondendo al bisogno dei Volontari stessi che – sul campo – sperimentano situazioni di incertezza o vera e propria difficoltà.

Con Università degli Studi di Milano, Corso di Laurea in Infermieristica – sez. Rho/ASST Rhodense, abbiamo un feeling particolare. Molte le esperienze condivise, altrettanti gli obiettivi in comune: la formazione è una di questi!

Dopo il corso con oggetto la risposta al bisogno di nutrizione e idratazione della persona malata, riteniamo ora utile procedere con un secondo modulo formativo. Tema il soddisfacimento del Bisogno di Movimento del paziente nel setting “Cure Palliative – Hospice e Domicilio”.

Perché questo secondo modulo

Presenza Amica garantisce, grazie alla collaborazione con Istituzioni quali UNIMI, elevati standard in termini di efficacia didattica e di gradimento dei discenti.

Questo secondo modulo manterrà – come elemento cardine – la metodologia della “Simulazione”.

Replicando così, anche nel contesto della mobilizzazione, la riproduzione di specifiche situazioni cliniche reali in un setting protetto. Tale metodologia, guidata da formatori esperti, permette di “amplificare e ampliare le esperienze della realtà ai fini dell’addestramento”.

Consentendo infine al discente di imparare dai propri errori fino al raggiungimento di una standardizzazione delle conoscenze e delle competenze necessarie ai professionisti sanitari e socio-sanitari in differenti contesti di cura.

Obiettivi: mobilizzazione sicura

Obiettivo principale è la costituzione di un corpo di Volontari operanti nelle Reti di Cure Palliative, formati con metodologia della Simulazione in attuazione delle indicazioni contenute nell’Intesa in Conferenza Stato – Regioni del 9 luglio 2020.

In particolare, gli obiettivi specifici sono così declinati:

  1. Sviluppare le conoscenze teorico/pratiche inerenti i principi di base del Bisogno di Movimento: modalità di Accertamento/Valutazione della persona assistita in Hospice;
  2. Incrementare le conoscenze teorico/pratiche sulle tecniche di mobilizzazione della persona assistita in Hospice;
  3. Potenziare le competenze trasversali necessarie per svolgere il ruolo di Volontario nei contesti di Cure Palliative.

Pronti a ripartire con la formazione in presenza, felici di poter affiancare le persone malate con una nuova, importante serie di competenze.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Leggi altri articoli

VOLONTARI

Volontari, presenti!

Il nostro volontariato presso la Fondazione Don Gnocchi riprende a ottobre. La lunga pausa ci ha spinti a considerare altri metodi e mezzi per stare accanto alle persone malate, ma nulla come la presenza può restituire profonda bellezza alla attività dei Volontari.

Leggi tutto »
Morte

La morte non è più un tabù?

Il dibattito sul diritto alla libera scelta anche relativamente alla propria morte divide l’opinione pubblica. Qualunque sia la posizione individuale, resta importante rimanere informati.

Leggi tutto »

Vuoi essere dei nostri?!

Compila il modulo, ti contatteremo per scoprire insieme a chi puoi essere di aiuto.