Formazione omogenea per i Volontari in Cure Palliative

Siglato l’accordo in Conferenza Stato – Regioni

Una buona notizia: la formazione dei nostri Volontari è al centro dell’attenzione delle Istituzioni.

Premessa

Per inciso: è necessario assicurare alle persone malate risposte assistenziali su base regionale.

Pertanto, vista la Legge 15 marzo 2010, n. 38, recante “Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore” si vuole garantire adeguate risposte assistenziali a livello regionale e in modo uniforme su tutto il territorio nazionale.

Per prima cosa si ricordi che la normativa ha previsto l’attivazione delle reti delle cure palliative e della terapia del dolore.

Integrazione tra gli attori coinvolti

In tale quadro la normativa pone una specifica attenzione ad un sistema di accreditamento con un coordinamento a livello regionale ed uno a livello locale. Nonché all’integrazione sanitaria e sociosanitaria, al potenziamento dei rapporti tra le équipe operanti a livello ospedaliero e alle attività territoriali della medicina generale, all’attivazione di nuovi percorsi formativi.

Il 9 luglio 2020 la CONFERENZA PERMANENTE per i RAPPORTI tra lo STATO, le REGIONI e lePROVINCE AUTONOME di TRENTO e BOLZANO, acquisito l’assenso del Governo e dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome, ha sancito l’intesa nei seguenti termini.

Art.1

E’ approvato il documento “Definizione di profili formativi omogenei per le attività di volontariato nell’ambito delle reti di cure palliative e di terapia del dolore, ai sensi dell’articolo 8, comma 4, della legge 15 marzo 2010, n. 38”, che costituisce parte integrante della presente intesa.

Art.2

Le Regioni e le Province autonome si impegnano a recepire la presente intesa entro 12 mesi dalla data di approvazione, inserendo e contestualizzando i relativi contenuti alla formazione dei volontari, nelle procedure di formazione ordinariamente utilizzate dalle Regioni e Province autonome.

Art. 3

Dall’attuazione della presente intesa non derivano nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

Le amministrazioni interessate svolgono le attività ivi previste con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente.

In sintesi

Di conseguenza, ora tocca a noi!

Difatti, dovremo lavorare a braccetto per stilare le nuove linee guida per la migliore e più avanzata formazione dei Volontari. Che sia davvero omogenea a livello nazionale è tuttaltro che scontato.

Infine, dovremo far convergere l’opinione di tutti per trovare una sintesi che dia voce a tutte le realtà che danno alla formazione dei Volontari il più alto valore.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Leggi altri articoli

VOLONTARI

Volontari, presenti!

Il nostro volontariato presso la Fondazione Don Gnocchi riprende a ottobre. La lunga pausa ci ha spinti a considerare altri metodi e mezzi per stare accanto alle persone malate, ma nulla come la presenza può restituire profonda bellezza alla attività dei Volontari.

Leggi tutto »

Vuoi essere dei nostri?!

Compila il modulo, ti contatteremo per scoprire insieme a chi puoi essere di aiuto.